L’8 settembre 2018 è dopodomani e si tratta di una data che, per la grande maggioranza degli italiani, non significa nulla e ancor meno evoca. Come ebbe a scrivere il professor Ernesto Galli della Loggia (non proprio un sovversivo…), è solo la data de “La morte della Patria”.
       La vicenda della nave “Diciotti” e dei migranti scomparsi dai centri di accoglienza dopo essere stati ricevuti in pompa magna ci ricorda che siamo sempre lì, a quella data incisa con il sangue nel nostro DNA nazionale. Ci piace suicidarci – come popolo – e farci prendere per le terga dal mondo intero, magari illudendoci, come fanno i più ingenui, che “Italians do it better“. Lungi da me il negarlo, ma cosa fanno meglio degli altri? Le “Caporetto”…?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.