Starwars da pensionati di Marco Calamari

marco calamari

Starwars da pensionati

Dopo aver profetizzato e constatato fatti e misfatti di Episodio VII, un ingegnere gia’ noto per scrivere sotto pseudonimo, si e’ trovato a bissarne la visione.

Perche’? Perche’, udite udite, una terna di ultrasessantenni senza precedenti  di fanatismo per Star Wars in particolare o la fantascienza in generale me ne ha fatto stranamente richiesta, e mi ci ha trascinato per aver conforto e spiegazioni. Come e’ strano il mondo.

A pensarci bene, visto che anche alcuni dei protagonisti stanno tra i 60 ed i 70, in effetti siamo un pubblico adeguato.

C’e’ stato un indubbio beneficio; dato il contesto, abbiamo mandato avanti l’unico ultrasessantacinquenne del gruppo e siamo tutti entrati con  lo sconto “terza eta'”.

Per me molto divertente. Ma anche no.

Sala vuotina ma davvero vuotina, fan zero. Forse Checco Zalone rulez?
O forse qualche critica ha smorzato il grandissimo successo in un grande successo?

Mi consolo pensando che vista, l’eta’ dei protagonisti del film, dovrebbe scattare subito un’empatia con i miei colleghi. 

Provvedo quindi sottovoce ad accennare una spiegazione sul bizzarro sistema di numerazione degli episodi, sulla sequenza dei fatti e sui misfatti cambiamenti ed errori che la Disney ha apportato.

Le richieste di spiegazioni diminuiscono appena arrivano  i personaggi “classici” per la loro comparsata; Harrison Ford fa sentire  tutti a casa (specialmente le signore) ed i miei tre padawan cominciano semplicemente a divertirsi.

Un po’ sorpreso mi metto a riguardare qualche dettaglio che potesse  essermi sfuggito durante la prima visione; niente, tutto e’ esattamente come l’ho raccontato. Insomma, cose fritte e rifritte.

Ma i miei amici (inclusa persino la mia signora) si divertono tutti in maniera per me sorprendente. Forse che l’eta’ ha reso i miei padawan piu’ di bocca buona?

No, bisogna dare a Cesare quello che e’ di Cesare; probabilmente alla Disney conoscono bene il loro mestiere e la minestre le sanno riscaldare con efficacia e professionalita’, proprio come la ribollita a Firenze.

Marco Calamari

Marco Calamari

www.cassandracrossing.org


Marco Calamari
Marco Calamarihttp://www.cassandracrossing.org
Cassandra ha iniziato a pubblicare videocommenti; anteprime di articoli in preparazione, commenti a quelli gia' pubblicati od al "fatto del giorno", persino storielle del mondo piccolo di Cassandra. Qualita' video molto bassa, niente green screen od animazioni, location dove capita, e cosi' via; speriamo che il loro contenuto giustifichi i minuti spesi per ascoltarli. Marco Calamari: ingegnere, classe 1955, talvolta noto come "Cassandra", a 18 anni dovette decidere se comprarsi una macchina usata od un pc. Scelse il pc e da allora non si e' ancora completamente ripreso. Lavora come archeologo di software legacy in una grande multinazionale, ma e' appassionato di privacy e crittografia in Rete, dove collabora a progetti di software libero come Freenet, Mixmaster, Mixminion, Tor & GlobaLaks. E' il fondatore del Progetto Winston Smith e tra i fondatori dell'associazione Hermes Centro Studi Trasparenza e Diritti Umani Digitali. Dal 2002 organizza il convegno "e-privacy" dedicato alla privacy in Rete e fuori, ed e' editorialista di "Punto Informatico" e "ZeusNews, dove pubblica la rubrica settimanale "Cassandra Crossing". Scrivere a Cassandra - @calamarim Le profezie di Cassandra: @XingCassandra Videorubrica "Quattro chiacchiere con Cassandra" Lo Slog (Static Blog) di Cassandra L'archivio di Cassandra: scuola, formazione e pensiero

Latest articles

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.