Self-written obituaries di Piero Visani

obituaries

Leggo – sul quotidiano torinese “La Stampa” di oggi – che negli USA dilaga la moda dei “self-written obituaries”, vale a dire dei necrologi scritti dal “caro estinto” (lapalissianamente, “quando era ancora in vita”…).
La notizia ha acceso in me il desiderio di esercitarmi a scriverne uno, che è il seguente:

“Ho trascorso buona parte della mia vita in un Paese di purissimo guano, da cui – come vedete – sono almeno riuscito a portare via le mie ceneri, così non dovrò patire da morto quello che ho subito da vivo.
In quella cloaca a cielo aperto si è consumata la ‘tragedia di un uomo ridicolo’, io, e tuttavia non mi pento di nulla di quel che ho fatto, perché sono sempre riuscito a seguire il mio personalissimo codice etico.
Dopo tutto, da bambino volevo essere solo un guerriero e credo di esservi riuscito. Non ho conseguito molte vittorie, ma ho combattuto sempre e comunque, perché volevo, sopra ogni cosa, “salvaguardare l’onore”. Anche ora, sono decisamente più vivo – ne sono certo – di molti che si pretendono tali”.

Un po’ lungo, ma chiaro. E, in ogni caso, soggetto a nuove versioni…

Piero Visani
Piero Visanihttp://derteufel50.blogspot.de
Aosta, 25/07/1950 - Torino 12/04/2020 Articoli

Latest articles

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.