Appena tornato dalla Grecia, dove ho potuto constatare che la situazione dei MSNA qui è ancora peggiore, forse, di quella in Italia. A molti di questi bambini (l’età media è molto più bassa di quella dei MSNA nel nostro Paese) manca praticamente tutto: vestiti, scarpe, giocattoli per passare il tempo nelle lunghe giornate, libri da leggere o anche per studiare…..In poche parole, manca tutto ciò che serve per essere BAMBINI. Al punto che molti di loro, provenienti da zone di guerra, hanno dichiarato che preferirebbero tornare nel proprio Paese, tra bombe e macerie, piuttosto che rimanere nei centri di accoglienza sulle isole greche!
“Serving the children of the world” è il motto del KIWANIS.
Per questo, stiamo concordando con diverse autorità locali, alcune iniziative da realizzare per migliorare la qualità della vita anche di questi bambini (e dare loro un futuro).

Ho parlato di loro anche in una scuola di Atene e le domande che mi hanno rivolto alla fine (ho chiesto loro di scriverle per portarle con me) mi hanno dimostrato che anche a otto, nove o dieci anni si può capire quello molti, più vecchi di loro, fingono di non vedere. Mi hanno lasciato un segno che rimarrà per sempre nel mio cuore…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.