ORIGINE DELL’ESPRESSIONE “FARE LA PARTE DEL LEONE”

Questa espressione di largo uso fa riferimento ad una favola raccontata prima dallo scrittore greco Esopo, che visse come schiavo nell’isola di Samo nel VI secolo a.C. e poi ripresa dal poeta Fedro, vissuto a Roma nel I secolo a.C. e da altri scrittori.
La favola vuole dimostrare che l’alleanza con i potenti non è mai conveniente e che immancabilmente si ritorce contro i deboli.
Un giorno una mucca, una capra ed una pecora fecero alleanza col leone, sperando di trarne vantaggio nella caccia. Poichè tutti insieme avevano catturato un cervo di grandi dimensioni, il leone si accinse alla spartizione della preda e disse agli alleati: “La prima parte la prendo io, perchè sono il re; mi darete la seconda parte perchè sono un socio; la terza mi spetta perchè sono il più forte; capiterà un grosso guaio a chi oserà toccare la quarta”.
E così il leone prepotende prese per sè tutto il bottino della battuta di caccia fatta in società. I tre deboli alleati, invece, non osando replicare di fronte alla forza e all’ingiusta arroganza del leone, rimasero senza nulla.