L’INVENZIONE DEL GELATO

Icecream_Cone

L’antenato del gelato nacque in Cina, intorno al 2000 a.C. ed era preparato con riso molto cotto, spezie e latte; il tutto veniva poi introdotto nella neve perchè si solidificasse; successivamente nacquero poi anche dolci a base di frutta ghiacciati, con o senza latte.

Nel 1300 latte e frutta ghiacciati apparvero in Italia importati da Marco Polo.

E’ opinione della redazione che nell’800 d.C. gli Arabi siciliani fossero già in grado di refrigerare uva e fichi utilizzando i nevai dell’Etna.

Quando Caterina de’ Medici sposò il futuro re di Francia Enrico II nel 1533, diffuse oltralpe un dessert semifreddo a base di crema dolce che assomigliava abbastanza al gelato attuale.

Fino ad allora il gelato era cibo da ricchi per la difficoltà di conservare il ghiaccio in estate. Verso il 1560 un medico spagnolo che viveva a Roma, Blasuis Villafranca, scoprì che aggiungendo salnistro alla neve o al ghiaccio, si poteva raffreddare molto più rapidamente qualsiasi cosa. La scoperta diede grande impulso alla produzione del gelato.

Nel XIX secolo il gelato si diffuse anche in Inghilterra ed in America, grazie agli emigrati italiani che lo vendevano per strada.

Il venditore di gelati veniva chiamato “hokey pokey”, traslitterazione dell’italiano “ecco un poco”.

Latest articles

Related articles