L’IDIOZIA DEL POLITICANTE

 

Toni Blair in una recente intervista ha dichiarato che l’intervento militare in Libia, cosi’ come quello in Iraq sono stati atti d’idiozia politica.

Il dizionario inglese così definisce il termine idiot:
1.

Informal: an utterly foolish or senseless person:

If you think you can wear that outfit to a job interview and get hired, you’re an idiot!

2.

Psychology.(no longer in technical use; considered offensive) a person of the lowest order in a former and discarded classification of mental retardation, having a mental age of less than three years old and an intelligence quotient under 25.

Il dizionario on line di lingua italiana definisce il termine in questi modi

sf
stupidità, imbecillità; azione, discorso da idioti.

sf
{medicina} arresto o alterazione dello sviluppo del cervello.

Tony Blair non appena si è riavuto dalla sua idiozia politica ha subito recitato l’atto di dolore, riscattandosi in parte per la sua colpa.

Una canzone popolare siciliana così recita:

Mamma ho ucciso la nonna,

le ho tirato il pugnale,

mamma non mi sgridare,

non lo farò mai più”.

In questa intelligente quartina c’è tutto lo spirito dell’idiota: non rendersi conto di quello che fa.

Del resto, il politicante sa di politica come il sacrestano sa di Latino: per sentito dire.

Per il politicante l’unico organo umano che conta è lo stomaco. Il cervello? Non sa cosa farsene; lui è tutta furbizia. Del resto, rubare è molto più comodo che lavorare. I politicanti più idioti degli ultimi tempi? I due Bush, Barak Obama, tutti quelli italiani, Sarkò e compari, etc. etc. Un politicante che salverei dalla lista? François Mitterrand, per una sua bellissima affermazione: “Se i miei avversari mi vedessero camminare sull’acqua direbbero: per forza, non sa nuotare”.

Il politicante è quell’idiota che non si rende conto che una sua azione potrebbe distruggere il mondo ed è pronto a scusarsi come il “ragazzino” della canzone siciliana: “Scusate, non lo faccio più”.

Dovremmo usare il contrappasso con questi idioti: dovremmo ucciderli e poi scusarci con loro dicendo: “Scusate, non lo facciamo più”.

Enrico Furia


 

Latest articles

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.