Lettera al nipote dei nonni emigranti

Caro nipote,

i tuoi nonni non credono a questo villaggio globale, perché sono orfani di quello vero, orfani della società comunitaria. Sa idda, il piccolo paese dove sono nati e da dove, soffocati dalla miseria, sono scappati emigrando in terras anzenas, lavorando e risparmiando per poter spedire i soldi giù e aiutare la propria famiglia. Sempre con l’animo del contadino e del pastore, hanno acquistato terreni e costruito la propria casa pietra su pietra, grazie a su cambiu torratu, l’aiuto reciproco, perché c’era ancora sa tratentzia, sa vide, sa paraula.

Oggi, tutto tace ormai. Se qualche volta i nonni te la raccontano come trasognati, non prenderla come qualcosa di senile. Non ti chiedono di fare come loro, ti vogliono ricordare che loro l’hanno fatto. Lo so che i tempi sono cambiati, che adesso è la famiglia a mandare i soldi all’emigrato e che il presente non è facile. Ma credimi, non lo era nemmeno quello dei tuoi nonni.

Guerre, malaria, malattie e fame, tanta fame, così tanta che per calmare il maiale affamato suonavano la fisarmonica, e lui si addormentava sognando beato, ma la fame era così tanta che si svegliava più aggressivo di prima. Dico questo, per non dimenticare che se i tuoi genitori (e anche tu!) hanno avuto la possibilità di studiare e vivere una vita più agiata, è grazie al loro spirito di sacrificio.

I tuoi genitori purtroppo l’hanno dimenticato. Ormai sono nella lista delle famiglie in estrema povertà. Hanno dilapidato tutto il patrimonio culturale e morale. Sono la nuova figura del povero moderno, povero in tutti i sensi, ricco solamente di pigrizia e disonore. I tuoi nonni non si sarebbero mai abbassati a petire un’undu ‘e latuca, mentre i terreni intorno al paese sono completamente abbandonati.

Questo è il paese dove sei venuto a crescere. Ti scrivo queste parole, caro nipote, affinché tu possa perdonarli perché non sanno quello che fanno, ma soprattutto no iskin ki nd’an pèlditu vatta e fama.

Lino De Palmas
Lino De Palmas
Nato a Lodè il 19 dicembre 1970, vive e lavora a Berlino. Ricercatore ed educatore. Lino Depalmas ha lasciato Lodè per motivi di studio, inizialmente, poi si è stabilito definitivamente nella capitale tedesca, anche se con Lodè continua a tenere un legame forte e a doppio filo. È dal 2002 che vive e lavora a Berlino ed è autore di vari articoli e saggi. Nel 2018 pubblica il suo secondo libro "Asilo al contrario" . Ha anche pubblicato un libro multilingue sardo-italiano-tedesco per bambini, "Spaghettino. Il cuoco Piero e le ricette colorate". Sullo stesso filone, a breve usciranno altri racconti-fiabe di educazione alimentare.

Latest articles

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.