Era proprio durante questo periodo, sull’approssimarsi dell’Epifania che nelle case garfagnine c’era sempre veglia, anche quando nelle fredde sere di gennaio il vento gelido mulinava nell’aia, anche quando si scatenava un impetuoso acquazzone, insomma qualsiasi fossero state le condizioni del tempo “andare a veglio” era un rituale quasi sacro. In queste uggiose serate tutto si svolgeva nelle ampie cucine di una volta, alla luce di un gran focolare. i vegliatori più anziani si mettevano con le loro seggiole vicino al camino e così piano, piano  si avvicinavano i ragazzi e le ragazze, dopo pochi attimi ai ragazzi si aggiungevano le famiglie, intanto tutt’intorno nonostante il momento fosse di riposo e tranquillità i piccoli lavoretti andavano avanti, c’era chi aggiustava gli attrezzi, chi sgranava le pannocchie e chi badava al fuoco del camino, cosa fondamentale perchè proprio durante il periodo natalizio c’era l’usanza di accendere nel camino un grosso “ceppo”. Sul “ceppo” si sistemava altra legna in modo che il grosso pezzo di legno che stava sotto si consumasse lentamente, dal momento che doveva durare tutti i dodici giorni che separano il Natale dalla festa della Befana, questi dodici giorni rappresentavano i mesi dell’anno e si diceva inoltre che bisognava tenerlo “vivo” perchè serviva per scaldare Gesù Bambino. Nel frattempo mentre le mani erano occupate in cento cose fiorivano i racconti e le storie più o meno fantasiose, più o meno vere e tutto si confondeva in un misto fra verità e leggenda. D’altronde era durante queste feste che certi racconti rimanevano più impressi nella memoria di tutti, storie che affascinavano genitori e bambini, personaggi come Gesù, Giuseppe e Maria e la Befana erano nell’immaginario e nel culto popolare e proprio questi racconti che vado a narrare vengono da quelle interminabili serate di veglia, di molto, ma molto tempo fa…

la scarpa di ferro

Si credeva un tempo nei nostri monti che nella notte dell’Epifania i bambini che erano morti in tenera età tornassero al focolare delle loro mamme per scaldarsi un po’.

Passavano attraverso il camino e se se trovavano il fuoco acceso si fermavano per passare la notte. Non si potevano avvicinare ne disturbarli e ne tanto meno rivolgergli parola, si potevano solamente osservare da lontano e in assoluto silenzio. Una notte una contadina di Sassi fra la cenere del camino spento trovò una scarpa di ferro, esterrefatta da questo accadimento la fece vedere subito al marito, la conclusione fu che sicuramente l’aveva lasciata qualche povera anima proprio perchè il fuoco nel camino era spento. La vecchia contadina decise così di conservare la scarpa ben chiusa in una cassapanca e di non guardarla più fino all’anno successivo. Il seguente anno il giorno dell’Epifania la scarpa fu riposta in un cantuccio vicino al focolare scoppiettante. La mattina dopo, fra la sorpresa di tutti al suo posto furono ritrovate pagliuzze d’oro fino.

Giuseppe, Maria e Gesù Bambino a Mosceta

Mosceta e il prato in questione

Si dice proprio che un giorno di duemila anni fa la Sacra Famiglia per sfuggire dalla furia dell’esercito di Erode attraversò le Apuane. Non vi immaginate voi la fatica della Madonna, San Giuseppe e il Bambinello nell’inerpicarsi per le aspre montagne. Maria ad un certo punto della scalata non ce la faceva più e così decise di fermarsi. All’improvviso al di là delle rocce apparve a loro un terreno completamente sassoso ma pianeggiante. Laggiù in quel luogo la Madonna decise di riposarsi e in omaggio a quel luogo che le aveva offerto ristoro quella “sassaraia” scomoda divenne un  bel prato verde ed è per questo che Foce di Mosceta si presenta come un prato verde fra le pietre

I Re Magi sulla Pania

Pania della Croce

Ci fu una notte che fra Natale e l’Epifania che sopra la Pania passarono i Re Magi e i loro cammelli alati. Una stella li guidava verso Betlemme ma il percorso era lungo e faticoso e le Apuane non sono facili da superare, spesso sono flagellate da venti forti, nebbia e copiosa neve. Fu così che proprio all’altezza della Pania della Croce i cammelli dei Magi planarono e si abbassarono per prendere lo slancio verso il mare. Nel punto esatto dove gli zoccoli cozzarono con il terreno lasciarono un’impronta indelebile, in quel momento in cielo sfavillarono centinaia e  centinaia di scintille che splenderono come mille stelle cadenti.

Le impronte

Il poeta francese Jean Cocteau un giorno ebbe a dire: “Cos’è la storia, dopo tutto? La storia sono fatti che finiscono col diventare leggenda; le leggende sono bugie che finiscono col diventare storia”.


Bibliografia:

  • “Racconti e tradizioni popolari delle Alpi Apuane” di Paolo Fantozzi edito “Le Lettere” anno 2013
Previous articlePete Kreiner ” Fantasmi di un lontano Settembre”
Next articleLe ragioni dell’ hacker
Paolo Marzi
Mi chiamo Paolo Marzi sono nato a Barga il 2 settembre del 1971, sono sposato ho due belle figlie e vivo da sempre in Mologno, un piccolissimo paese nel comune di Barga nella Valle del Serchio. Il mio paese è una “terra di confine” solamente un chilometro (nemmeno) e un ponte (il ponte di Gallicano) mi divide dalla Garfagnana (così come geografia dice) Oltre al mio paese sono legato molto a Gallicano, il luogo dove è nata la mia mamma e dove ho vissuto la mia bella infanzia. Non ho diplomi ne tanto meno lauree,ho solo la grande passione per lo scrivere e per la Storia, in particolare della Nostra Storia, la storia della nostra valle, della nostra Garfagnana.Questa passione mi porta a fare continue ricerche,verifiche,visite,viaggi e foto. Tutto questo materiale ho cercato di raccoglierlo in questo blog,nella speranza che possa diventare un punto di riferimento per tutti quelli che vogliono informarsi su tutto quello che era il nostro passato. Partecipo poi con il comune di Gallicano nell’organizzazione di eventi storico-culturali (l’ultimo in ordine di tempo “La Grande Guerra, storia e memoria del fronte alpino”). Faccio poi parte dell’istituto storico lucchese e collaboro con i miei articoli su “Il Giornale di Castelnuovo Garfagnana” e sulla testata on line “Lo Schermo”,inoltre ho contribuito con testi e foto alla bellissima opera “I luoghi del cuore”(un componimento fotografico e scritto sui luoghi più suggestivi di Lucca e la lucchesia), pubblicazione a dispense sul quotidiano “Il Tirreno”,in più sono uno dei vicepresidenti dell’Associazione culturale gallicanese “L’Aringo”, che ci ha visti uscire nel 2015 con una nuova pubblicazione trimestrale.Questo nuovo giornale si chiama anch’esso “L’Aringo” e si occuperà di storia, tradizioni e cultura e sarà il primo giornale ufficiale nel comune di Gallicano e mi vedrà oltre che “giornalista” anche nel comitato di redazione,mi occuperò della sezione storica.Da aggiungere che le mie ricerche storiche effettuate sul canale irrigatorio Francesco V di Gallicano, in collaborazione con l’Amministrazione comunale, rivolte alla Sopraintendenza della Belle Arti, hanno contribuito al finanziamento per restaurare la bellissima opera dell’architetto Nottolini. @ Articoli

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.