Home Quattro chiacchiere con Cassandra Lasciateci la faccia: L’identificazione ed controllo biometrico di massa sono incompatibili con...

Lasciateci la faccia: L’identificazione ed controllo biometrico di massa sono incompatibili con una democrazia rispettosa dei diritti umani?

Il Progetto Winston Smith e l’Hermes Center for Transparency and Digital Human Rights sono lieti di invitarti come relatore all’edizione primaverile di e-privacy, che si terrà solo in videoconferenza il 21 ed 22 maggio 2021, con streaming pubblico su Youtube.

Parleremo di una società in cui una sorveglianza di massa viene considerata “accettabile” da una maggioranza della popolazione, spaventata da criminalità e pandemia. Siamo nelle migliori condizioni per riscrivere le più fosche pagine dei libri di storia e della letteratura distopica.

https://e-privacy.winstonsmith.org

 

I sistemi algoritmici e di deep learning che oggi vengono usati, spesso osannati, come dispensatori di benessere e giustizia. Sono viziati dagli stessi pregiudizi dei loro programmatori e dei dati raccolti in modo distorto e poi utilizzati per il loro addestramento.

Niente limita l’abuso sistematico dei nostri dati personali che finiscono in pasto a sistemi di tracciamento facciali o comportamentali. È così implementato un controllo di massa su base biometrica, non normato a priori e senza limitazioni “by design” nel trattamento dei dati.

Il tracciamento su base biometrica, dopo aver controllato in maniera Orwelliana i cittadini, produrrà dati che verranno usati non solo per il tecnocontrollo in tempo reale, prospettiva già più che preoccupante, ma anche per alimentare sistemi algoritmici e di intelligenza artificiale. Dal riconoscimento del viso e del movimento è breve il passo verso il riconoscimento predittivo dei un “possibile” stato d’animo e potenziale d’azione.

Tali sistemi, eredi di manipolazioni avvenute nel recente passato come quelle di Cambridge Analytica, saranno presto in grado di determinare, di riflesso, in tempo reale il comportamento delle persone, anche nel mondo fisico.

Non si tratta di distopia, ma sistemi che oggi diversi Paesi (e non solo quelli diversamente democratici) stanno implementando pubblicamente con poche remore e rare opposizioni.

I paesi a democrazia compiuta hanno l’obbligo di procedere in direzione opposta. Sono necessarie norme dil settore: la sorveglianza biometrica va permesse solo quanto dimostratamente indispensabile e limitata nello spazio e, soprattutto, nel tempo in modo da evitare l’esposizione continua indiscriminata.

La domanda fondamentale è: possono esistere sistemi alimentati da dati biometrici utilizzabili per fini socialmente utili e rispettosi dei diritti civili i cui rischi non trascendano l’utilità? Chi sta assumendo la responsabilità per la cospicua sottrazione di libertà che questi sistemi introducono? Siamo in grado di verificarne il potere?


Gli organizzatori

La manifestazione e’ organizzata da:

  • HERMES – Centro Studi Trasparenza e Diritti Umani Digitali.
  • Progetto Winston Smith è un’associazione senza fini di lucro che si occupa della difesa del diritto alla privacy in Rete e fuori

e da altre organizzazioni, aziende ed associazioni.

Contatti

Per contatti generali e per la stampa: eprivacy@winstonsmith.org, per i relatori cfp-eprivacy@winstonsmith.org.

Maggiori informazioni saranno pubblicate sul sito del Convegno non appena disponibili, all’indirizzo e-privacy.winstonsmith.org.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
Exit mobile version