LA VERA STORIA DELLA SCOPERTA DELL’AMERICA

Columbus_Taking_Possession

PREAMBOLO

Questa storia è stata esposta in maniera seria e altrettanto credibile da un autorevole genovese, giornalista e studioso di storia. Noi l’abbiamo elaborata un po’ a fine di spettacolo e sdrammatizzazione dell’evento. Come avrebbe potuto un povero diavolo come Colombo ottenere tre caravelle dalla regina di Spagna Isabella, se non avesse avuto una potente raccomandazione? Ettsocchè, etsorrà, seguite questa storia e ve ne rendete conto.

ATTO I

La scena si svolge in una saletta riservata del Vaticano.

Personaggi: Il Papa e Cristoforo Colombo.

Papà”

E nun chiamamme papà, te possin’ammazzà. Me devi chiamà Santità e me devi da’ der Voi”.

Santità, vi ricordo che da quando Bisanzio è caduta in mano agli Ottomani, non possiamo più passare nel Bosforo per andare alle Indie. Fallus, Belìn!!!”

A Cristò’, m’hai fatto du’ palle così co’ ‘sta storia; sempre ‘a stessa solfa, mo basta aò! Ma ‘n c’ai quarcosa de meno pallosa da dimme? Ma ‘nc’ai quarche ciumachella da portamme?”

Santità, da Zena se fa prima a passà per l’oceano che andà a scartabbellà il belin a li Ottomani.

Embè, allora, che te serve?”

Santità, me servono tre navi per affrontare l’oceano”

Mortacci tua, Cristò, te serve poco! Vabbè, mo’ telefono a Iasabella, er core mio de Madrid e vedo che posso fa’”.

Santità, ma come fate a telefona’ se il telefono non è stato ancora inventato?”

Infedele, che nun c’iò sai che er Papa c’ià tutto, puro se nun è stato ancora ‘nventato? Come faccio, si no, a parlà cor core mio?)

Il Papa fa il numero e alla risposta:

Isabbè, core, so Alessadruccio tuo”:

Alessandr…., pardon, Santità, Voi come state?”

Core, sto da Papa, ma c’iò ‘n problema grosso come ‘na casa. Cristoforo Colombo è fijo mio. L’ho concepito co’ ‘na troia genovese che, mentre che stavo pe’ venì, invece di aprì le cosce pe’ fammelo caccià, le ha strette e io je so’mvenuto dentro. Da stà troiata è nato Cristoforo, er Colombo, e mo me lo tengo. Senti Isabelluccia dolce, sto fijio mio m’ha fatto du’ palle co’ la storia che deve andà alle Indie passanno pe’ l’oceano, cioè facenno er giro der monno, visto che li Ottomani nun lo fanno passà pe’l Bosforo. Nu’ je potresti da’ tre caravelle, così che m’o levo da le palle?”

Santità, se è questo che vi assilla, certo che do tre caravelle ar fijio…, pardon, al Vostro raccomandato.. Io me pensavo che me volissi di’ quarcos’altro.”

Isabbè, nun te preoccupà, appena me so levato Cristoforo da li cojoni, ce metto a te”.

Santità, fate venì Colombo quanno che vole e qui trova le caravelle”.

Grazzie, core. ‘n bascione grosso grosso.”

A Cristò, hai ‘nteso? Isabella dice che poi annà quanno che voi a pijà e caravelle. Fa’ er bravo, va in Spagna e levete da li cojoni”.

Grazie, Santità, il cielo ve ne renda merito”.

Ahhh Colò, famme sapè come va, sai?)

Certamente, Santità, al mio ritorno Vi farò una relazione dettagliata di come sono andate le cosè”.

Buona fortuna, rompicoglioni.”

Colombo si congeda dal papa e parte per la Spagna per incontrare Isabella.

ATTO II

La scena si svolge nella solita saletta riservata del Vaticano.

A cristò, ma allora, l’hai scoperte le Indie, passanno pe’ l’oceano?”

Certo Santità, e gli indigeni li ho chiamati indiani.”

Allora perché er cartografo ….. aò, numme ricordo er nome, dice che quella terra l’ha scoperta Amerigo Vespucci e pe’ questo l’ha chiamata America?”

Santità, quer cartografo è ‘n imbecille. Lo conosco, ha ‘na stanzetta piena de carte dove non ci si capisce più ‘na mazza e per questo ha confuso la storia. Vespucci ha scoperto er Brasile”.

E perché ‘sto stronzo dice puro che prima de te ce so’ arrivati li Vikinghi, li Eschimesi e, se va avanti così, va a finì che ce so’ arrivate puro le troie, prima de te. Ma ‘nsomma che hai fatto la scoperta de l’America? C’ai fatto la scoperta der cazzo? Tutti o sanno ch’er cazzo esiste, mi ‘o devi scoprì tu?”

Santità, il mondo è infame e ingrato co’ le persone de scienza, co’ li scopritori”.

Vabbè, Cristò, famola breve o finimola. C’hai portato da la Merica?”

Santità, ho portato apposta pe’ Voi li pomidori e er caffè”.

Cristò, li pomidori te li poi magnà te, e er caffè io già ìo bevo da sempre”.

Ma Santità, come fate a conoscere li pomidori e il caffè, se io li ho portati adesso pe’ la prima volta,?”

A Cristò, ma allora sei proprio ‘nfedele. Nun c’io sai che er Papa sa sempre tutto e c’ià tutto, anche se deve essere ancora scoperto? Come facevo io a sapè che quello stronzo der cartografo fra trecento anni dirà che la Merica l’ha scoperta Vespucci e pe’ questo ja dato er nome de lui. Er Papa sa tutto, anche prima che ‘n fatto succede, si no che Papa è?”

Adesso va, fijo bello, levete da li cojoni, che ce devo mette Isabella. Quella ‘e palle nun me le rompe, me le distrugge a mozzichi e bocconi. Speramo che nun nasca ‘nantro stronzo come te.”

Latest articles

Related articles