LA STORIA VERA DI ROMOLO ED ENEA

Romolo

Preambolo

La leggenda dice che Romolo sia stato il fondatore di Roma. Virgilio nell’Eneide dice che il vero fondatore sia stato Enea che, fuggito da Troia ormai in fiamme, scappa col padre Anchise e col figlio per venire in Italia a fondare Roma.

ATTO I

La scena

Una osteriaccia d’una volta in quel di Trastevere in un tempo senza data. L’osteria si chiama “La fame(a) ‘un perdona”.

Due clienti si presentano insieme ed il cameriere, avendo libero un solo tavolo, li invita a sedersi assieme. I due accettano e si siedono nello stesso tavolo, anche se non si conoscono affatto.

Appena seduti la scena si svolge pressappoco così.

Il primo attacca bottone presentandosi:

“Me chiamo Romolo, so’ er fondatore de ‘sta città”.

“Me chiamo Enea, io son il fondatore di questa città. Lo dice Virgilio, che de storia ne sa piu’ de te. Son di Troia,”

“A Enè te sei ‘un gran fijo de troia, allora. Er vero fondatore so’ io”. Lo dice la leggenda.”

“Senti chi parla. Tu sei un gran figlio di puttana. Tu ma’ t’ha concepito a te e Remo co’ ‘na sega d’uno sconosciuto e poi v’ha buttati al fiume”. Parola di chi sa la storia”.

” ‘An vedi questo!!!! Busciardo e malfamato”

A quelle parole il cameriere accorre: “Signori, non parlate di fame, sarete serviti al piu’ presto”.

“Mortacci tua, cameriè” dice Romolo con fare indifferente.

“|Accidenti a te e al budello de tu’ mà'” conferma Enea.

” A Enè’, ma che fai, parli toscano”.

“Che ‘un se sente?”, ribatte Enea. Vengo da Troia, “Son etrusco, quindi son toscano e parlo toscano”.

“A li mortacci tua, de tu nonna e de tu ma'” risponde Romolo con atteggiamento da burino. “Boni li Etruschi, tutti fiji de troia. Me n’hanno fatti di casini a Roma”. Hanno prima sfondato ‘a Suburra pe’ fa ‘a cloaca massima e poi hanno sfondato tutte le passere de la città”.

“A Romolo, vor di’ che vu n’eravate capaci di farlo”.

“A stronzo, porteme tu’ sorella e ce faccio passa er traforo der Gran Sanbernardo”.

“Pfui a te, sciocco montagnolo; che ne sai te de’ trafori? Li Etruschi solo sanno fa li trafori, e li fanno.”

“A Enè, ‘un fa ‘o stronzo. L’ho visto bene er traforo der Gran Sanbernardo quanno so’ annato a lavorà ‘n Svizzera.”

“Perchè sei andato a lavorà ‘n Sizzera?”

“E che te devo di’, Enea mio? A Roma ‘un se faceva più ‘na lira. E’ venuta ‘a crisi, li schiavi ‘un volevano lavorà, li usurai erano ‘nsopportabbili, però tutti voleveno magnà. La fama, pardò fame, ‘un perdona”.

I due stanno un attimo in pensiero, poi Romolo avanza una proposta.

“A Enè, stamme a sentì, fratello mio. Qui ‘un vale la pena de litigà. Qui tutt’e ddue dovemo salvà ‘a faccia. Ne vale der nostro onore. Sarvamo ‘a leggenda de mè e mi’ fratello Remo, e sarvamo pure er libbro de’ Virgijio, che quello è stato er massimo poeta de Roma. Dimo agli altri che la città prima l’ho fondata io che stavo già qua, e che poi l’hai rifonnata tu quanno che sei scappato de Troia.”

“Romulù, ‘un se po fà”. Vigilio dixit” obiettò Enea.”

“A Enè, e daje, ‘un fa ‘o stronzo. Se te dico che conviene a tutt’e due, conviene, no?”.

“A cameriè, te voi da’ ‘na mossa? Portece armeno mezzo litro!” gridò Romolo.

“Er vino arriva subbito, signori” risponde il cameriere.

“Aò, nu’ l’annacquà, se no ‘un te pagamo, sa?”

“Se iccameriere annacqua ‘l vino piscio dentro er fiasco che porta” Confermò Enea.

“A Enè, fa er bbono, damoce ‘na reggistrata, fame aò, famo pace cor cervello e poi famo l’accordo”.

“Romolo, ma c’ai fame su’ sserio?” domanda Enea preoccupato.

“Eneuccio mio, a Roma l’unico problema è er magnà. Pe’ bbeve ce stanno mille fontane gratisse, ma pe’ pagnà devi pagà. Questo è er “Busillis” direbbe er Belli.”

” Ma se nu’ facciamo l’accordo, che succede?” domanda Enea.

“E cche succede, Eneuccio bello, succede che magnamo gratisse tutt’e due pe’ sempre, senza pagà. Pagano li Romani e li stranieri che vengheno a visità ‘sta città. A Napoli direbbero. “Francia o Spagna, purchè se magna”.

“Senti, Romoletto, ‘sta proposta me sembra ‘na bona pensata. Ma come si fa a salvare la faccia? ‘Na città ‘un pò tenecci du’ fondatori”.

“A Enè, ma allora sei bischero, direbbero a Firenze. Chè ‘na città ‘un ce pò avè du’ fondatori? Chè io ‘un c’ho avuto du’ madri, una vera e una farsa? Mo va a vede qual’è la vera e qual’è la farsa. Basta restà ner dubbio. E così resteranno li Romani e li forestieri, ner dubbio, e io e te saremo sempre li fondatori, mo va a vede chi è quello vero e chi è quello farso. Intanto io e te resteremo sempre du’ fondatori, uno pe’ la leggenda e uno pe’ la storia de’ Virgijio.” Intanto tra sè e sè Romolo borbotta: “Ma quer fijio de’ ‘na troia de Virgijo, ‘un se poteva fa li cazzi sua? E già, se è ‘n fijio de ‘na troia, vor dì’ ch’è nato a Troia, quindi è er compare de costui”.

ATTO II

La scena

Una strada di New York in un tempo senza data.

“Ammazza chi se vede? A Enè, e te che ce fai qua?”

“E te, Romolè, che ce fai qua?”

“A crisi, Enè, a crisi a Roma è forte. Pe’ bbeve ce stanno mille fontane gratisse, ma pe’ magnà devi pagà, e io ‘un potevo più pagà. ‘A crisi, a Enè, ‘a crisi.”

“E che lavoro fai?” domada Enea.

“Lavoro? Quello che voi. Te serve ‘na Cadillacche, io te procuro ‘na Cadillacche. Poi so’ cazzi tua se la Cadillacchè è nova o e’ rubbata. Tu volevi ‘na Cadillacche e io t’ho dato ‘na Cadillacche”.

“E con l’inglese come fai? Tu parli solo latino, no?”

“Ora no. E’ tsocchè, è tsorrà”.

“Cosa?” obietta Enea.

“A Enè, li Merricani so’ strani. Scriveno “It is OK”, oppure “It is all right” e pronunceno E’ tsocchè, è tsorrà. E io così ripeto.”

“Romolè, ma sei proprio ‘n montagnolo” replica Enea. “Va bè, andiamo avanti”, conclude Enea.

“Ma lo sanno a New York che te sei il fondatore di Roma?” domada Enea.

“E che je frega a questi a Enè? Questi penseno solo al businisse, solo a fà li sordi.”

“Li sordi? Ma che dici?” Replica Enea. “Se son sordi, perchè non vanno dal medico?”

“A Enè, ma se proprio ‘mpunito, allora. Questi non fanno li sordi perchè non possono sentì. Fanno li sordi, l’argent, li dollari, li denari. Come li chiamavate a Troia ‘ste cose?”

“Noi non li chiamavamo, li facevamo” replica Enea.

“Bello sforzo, co’ quello che fanno le troie se ne fanno de soldi, no?”

“A Romolo, ma ci vai in culo?” reagisce Enea. “Se mamma tua era ‘na puttana, anzi, se le mamme tue, sia quella vera che quella falsa erano troie, perchè di che le troie sono le Troiane?”

“Vabbè, hai raggione, finimola co’ ‘sta storia de’ litigà, e pensamo a come se fa a magnà”.

ATTO III

La scena

Nell’aldilà in un tempo senza data.

“Com’è piccolo er monno, anzi, l’artro monno, Enè. Ce rincontramo puro qua”.

“Romolè, sei come il prezzemolo, lo incontri dappertutto. Dove t’ha messo il Padreterno?”

” A Enè, er Padreterno è ‘na cosa seria. ‘Un lo vedi mai, ma Lui te vede sempre e sa tutto de te”.

“E che sa di me?” replicò Enea.

“Sa che sei un gran fijio de troia”.

“Romolè, non ricomincià ad offende o ti faccio un gransabernardo come li Etruschi lo hanno fatto alle Romane”.

“A Enè, t’ho detto già che se me porti tu’ sorella je faccio…..”

“Romolè, basta co’ ‘ste storie. T’ho già detto ‘na volta che li Etruschi hanno gransanbernardato le Romane perchè voi Romani non eravate capaci di gransabernardarle. Adesso basta.”

“‘Mpunito, ‘nfamone, T’approfitti perchè li Romani non sanno gransabernardare, ma attento a tè.”

Nella frattempo una persona distinta, completamente vestita di bianco si avvicina a grandi passi. Romolo, che è scaramantico per tradizione ed educazione si mette subito le mani sulle palle e comicia a biascicare sottovoce.

“Chi è costui, che fallus volit? Perchè si veste di bianco, perchè deve portare iella proprio a me?”

Enea che lo ha sentito, replica:

“A Rò, ma sei proprio montagnolo, nun lo vedi? Gli è i Papa, quello argentino, er gesuita, quello che li ha messi in ginocchio tutti quanti, i pedofili, i banchieri corrotti, i preti puttanieri, etc. etc.”

“Santitaaaaa!” grida Romolo.

“Que pasa?” Domanda il Papa.

“Santità, questo fijio de Troia, dice che……”

“Basta così” replica il Papa.” Lui mi ha informato su questa vostra annosa questio.” taglia corto il Papa.

“Ma figli miei, come si può litigare per una siffatta questione? Ma non lo sapete che a Roma essere dei gran figli di troia non è dispregiativo, ma grandemente apprezzativo? Io a Roma sono considerato il più gran figlio di troia mai visto, perchè ho punito tutti i zozzoni che erano dentro le Chiese nel mondo. Ho ridotto i debiti del Vaticano, etc. etc. etc. Ed eccomi qua; mi ci hanno mandato per posta celere. In verità, chi mi ha preceduto era ancora più figlio di troia di me; gli hanno sparato, gli hanno sputato, gli hanno mandato maledizioni, ma ora vogliono farlo santo. E sapete perchè? Perchè si sono accorti adesso che lui è stato il più gran figlio di troia della storia; in senso romanesco, aò!”|.

Latest articles

Related articles