LA STORIA VERA DELLA NASCITA DI ROMA

Roma_dall'aereo

Preambolo

La leggenda dice che Romolo sia stato il fondatore di Roma. Virgilio nell’Eneide dice che il vero fondatore sia stato Enea che, fuggito da Troia ormai in fiamme, scappa col padre Anchise e col figlio per venire in Italia a fondare Roma.

ATTO I

La scena

Un’osteriaccia d’una volta in quel di Trastevere in un tempo senza data. L’osteria si chiama ” ‘e BUGIE SO’ COSE MIE”.

Due avventori di Albano si ritrovano all’osteria per mangiare un boccone assieme.

“Caio, ma certo che li Romani so’ busciardi forte, aò. Ma te rendi conto de quante cazzate hanno detto sulla fondazione de la città? Romolo abbandonato sur fiume come ‘n fijo de troia qualsiasi; Enea, gran fijo de Troia, che scappa dopo l’incendio de li Greci pe’ venì a fondà ‘a citta. Che busciardi.”

“Davvero, Mariuccio caro, che busciardi. E pensà che la città l’amo fondata noi nella nostra vita passata.”

“Che idea geniale che c’ai avuto, Caietto mio.”

“E’ vero, l’idea è stata bbona davvero, però ciavemo avuto culo, ‘n gran culo. A nord c’ereno li Etruschi, a sud li Greci e dappertutto bande de montanari che ‘un sapevano come cazzo fa’. Tra di loro er Tevere che nun li faceva passà. Doveveno annà a Ostia e passà lungo la riva, o dovevano ‘mbarcà armi e bagagli per andà dove che dovevano annà co ‘e barche.”

“L’dea tua è stata geniale, Caie. “Famoce ‘n ponte de legno qua e famo pagà er pedaggio a chi vole passà”, m’hai detto”. Li sordi so’ arrivati subbito co la pala. La ggente che nun teneva manco ‘n centesimo pe’ pagà, lasciava agnelli, polli, uova, formaggio, pagando così ancora più caro di quanto pagaveno se sganciavano li sesterzi.”

“Li Etruschi, li più fiji de troia, ‘un voleveno pagà mai, te lo ricordi Mariù?”

“Davvero fiji de Troia quelli, Caie, de nascita e de fatto. T’aricordi quanno dopo dissero che voleveno bonificà ‘a palude e sfonnarono tutto da la Subura fino ar Tevere, facenno ‘a cloaca massima?”

“Aò, Mariù, se m’o ricordo! E me ricordo puro quanno sfonnarono le passere de tutte le donne nostre, ‘sti fiji de troia. Nu ne lasciarono manco una vergine, mortacci loro.”

“Però, Caiuccio mio, fu l’idea d’a bonifica che portò ‘na barca de sordi.”

“E perché, aò, l’idea tua, Mariù, de costruì er mercato boario e quello olitorio dopo che li Etruschi aveveno bonificato? Fu un colpo da maestro, ‘na genialata. Burini, commercianti, cambiavalute, tutti qua venivano a fa’ li affari loro, e tutti aveveno le tasche piene di quattrini.”

“Si, aò, ma l’idea tua, Caio mio, de costruì er Circo Massimo pe’ scommette su li cavalli, pe’ fa’ gioca a li dadi quelli che ciaveveno li sordi, per fa’ scopà li montagnoli che nun scopaveno da anni? Fu quella che fece nasce ‘a prima Las Vegas der monno. Poi, sti impuniti de Americani dice “E’ nostra l’idea de Las Vegas”. Busciardi, noi ce l’avessimo avuto almeno dumila anni prima.”

“Che bei ricordi, Mariuccio caro. Più sordi arrivaveno, più ne volevamo. Poi, quanno passò la voglia de la novità, ce semo dovuti arrangià, e avemo ‘nventato er pizzo. Te ricordi quanno che ce presentevamo co’ la scuso de’ dì “Aò, semo Romani. Semo forti. Semo venuti a portarvi a nostra protezione, se quarche fijo de troia ve minaccia o ve da fastidio. E quelli: “Non abiamo bisogno de la vostra protezione, a noi non ci minaccia nessuno, e se qualcuno ci da fastidio ci difendiamo da soli.”

“Proprio scemi quelli, Caio! Diceveno. “Noi qua, noi la, noi su, noi giù e bla, bla ,bla.”

“E tu Mariù er giorno appreesso annavi a mette a foco ‘e loro campagne e e’ loro case. E poi noi ci ripresentavamo a offrì ancora ‘a nostra protezione. E quelli che si erano cacati addosso pe’ la paura diceveno che si, avevamo ragione noi e che loro aveveno bisogno de la nostra protezione.”

“ A Caiooo, a Mafia l’amo ‘nventata noi; er pizzo è cosa nostra. Ha’ voja a dì che l’hanno ‘nentata li Siciliani e li Napoletani: busciardi. Noi l’amo ‘nventato er pizzo e a’ mafia, dumilacinquecento anni prima.”

“Te ricordi poi, Mariù, quanno quell’impunito de Brenno annò da li Chiusini a comprà er vino e quelli je dissero che loro ‘un vendeveno vino a li Barbari?”

“E’ sempre stato bbono er vino de li Chiusini, Caio, fino da li tempi nostri. Er vino nostro era aceto rispetto a quello loro.”

“Mario, e quell’impunito de Brenno che fa quanno che li Chiusini je dicono che loro ‘un vendono er vino loro a li Barbari? Je risponne che allora lui er vino se lo prende con la forza. Li Chiusini, che se stavevo cacanno addosso pe’ la paura, che fanno, t’o ricordi? Se ricordono de li Romani che j’aveveno offerto protezione e ce chiameno de corsa. Venite, correte, che Brenno ce se vo’ fregà er vino. E noi che famo? Ce presentamo da gran signori, come arbitri de la situazione e chiedessimo a Brenno co’ quale diritto voleva fregasse er vino de li Chiusini. E lui dice: “Me lo frego col diritto de la forza e se voi non vi levate dai coglioni, veniamo a fare i conti con voi, invece che con i Chiusini, ….. st’ìmpunito. “

“E quer fijo de troia ‘o fece davvero, Caio, e allora ce semo cacati addosso noi. ‘sti fiji de troia de li Senoni vennero a Roma co ‘n’esercito che ‘un sera mai visto prima e noi ce semo chiusi sur Campidojo pe’ la paura. Li Senoni aveveno la nomea di quelli che violentaveno femmine e maschi, giovani e vecchi. Dovunque c’era ‘un buco, queli ce infilavano le loro mazze e t’o facevano come Porta Napoli.”

“Mario, un mese semo rimasti chiusi sur Campidojo, aspettanno che Camillo tornasse co’ l’esercito. Intanto quer fijo de troja de Brenno cìaveva provato a scalà de notte ‘e mura der Campidoglio, ma le oche ciaveveno svegliato e noi a li Senoni je avevamo pisciato ‘n testa e quelli s’ereno ritirati.”

“Ancora tre mesi avemo resistito, caro Caio, e poi ce semo arresi. Nun c’era più niente da magnà, e qull’impunito de Benno ce ha dettato ‘e condizioni di resa: “Pagate in peso d’oro il peso delle nostre spade e noi togliamo l’assedio. Pe’ fortuna che è arrivato Camillo che quanno ha visto er casino c’avevano fatto li Senoni, s’è piantato di fronte a Brenno e j’a detto: “Meus nomen est Furius Camillus, d’a Gens Furia. Non con l’oro si riscatta Roma, ma col ferro”. E j’à bucato la pancia a tutti li Senoni.”

“Gran fijo de troja, quer Furius Camillus, caro Mario, ne sapeva una più de’r diavolo e je piaceva tanto menà ‘e mano. Aò! L’hanno fatto despota pe’ quattro vorte e lui sempre, dopo er trionfo rassegnava le dimissioni e restituiva er titolo a Senato. E quelli che hanno fatto? L’hanno mannato a morì da solo ‘n campagna, come se fosse ‘n pezzente. Questa è Roma: n’a masnada de gran fiji de troia, da sempre.”

Fori_imperiali

Latest articles

Related articles