L’ attentato di Manchester

2017 Manchester Arena bombing is located in Greater Manchester
E’ molto difficile impedire un suicidio, sia esso individuale o collettivo. E’ molto difficile impedire una decisione che rovini la nostra vita, e anche quella altrui, se una persona è convinta della bontà della sua scelta.
       L’Europa vive una fase di definitiva fuoriuscita dalla storia, nel senso che presto – pochi decenni – non ci saranno più europei e questo continente sarà diventato qualche altra cosa. Ma non la convince neppure l’evidenza e, quando ciò accade, tutto diventa inutile. Il cittadino europeo medio è convinto di vivere nel migliore dei mondi possibili, con la migliore classe dirigente possibile, con le politiche più avvedute possibili. Come sempre, se una morte viene somministrata a piccole dosi, non sarà mai percepita come una morte violenta. Si preferisce la conservazione in quanto essa non è un salto nel buio. Verissimo, nel buio più totale siamo giù immersi da anni, se non da decenni. Dunque per quale ragione dovremmo saltare nel buio, visto che ci siamo già?
       Le vite collettive, le vite dei popoli, sono spesso assai simili alle esistenze individuali. Se qualcuno decide che “i domani che cantano” sono di gran lunga preferibili alle piacevolezze dell’esistenza quotidiana e, in nome di questi “domani”, preferisce buttare via le poche gioie dell’oggi, si può fare poco per tentare di persuaderlo che la sua è una decisione folle. Occorre lasciargliela prendere, che altro si può fare? Siamo di fronte a un suicidio di massa, a un suicidio politico di massa. Il presidente degli Stati Uniti firma accordi con l’Arabia Saudita e quest’ultima prosegue imperterrita nella sua politica di promozione del terrorismo internazionale.
       Ovviamente, si cerca di farlo capire all’opinione pubblica, ma tutti sappiamo che non servirà a niente. Non serve mai a niente. Quando un continente entra in una fase di cupio dissolvi come questa, ritengo sia preferibile fargliela percorrere fino in fondo: se il problema principale dell’Europa non è il suo strangolamento economico da parte dell’Eurolager; se non lo è neppure la sua progressiva esposizione al terrorismo; se meno ancora lo è la sua eclissi demografica di fronte a popolazioni allogene sempre più prolifiche, beh, personalmente non ho risposte. Ditemelo voi cos’è…? Chi scrive è già morto da tempo e delle pseudo-vite altrui non può importargliene di meno. Tanto lui ha sempre torto e gli altri sempre ragione, come nelle più perfetta delle democrazie…

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.