Il califfato nel cuore dell’Europa

Turchia. Non si arresta l’azione epuratrice di Erdogan contro i dissidenti. Gli arresti si susseguono senza tregua. Sono a tutt’oggi 9.322, compresi i giudici, mandati via in blocco, ed agenti di polizia a cui è stato intimato di riconsegnare armi e distintivi. Un’azione capillare che riguarda la sospensione di funzionari pubblici e la richiesta di dimissioni di 1577 rettori, tra cui imam e docenti di religione. Il consiglio supremo radio televisivo della Turchia ha annunciato la sospensione delle licenze ad emittenti radio- tv che hanno dato voce ai cospiratori golpisti, per lasciar circolare una sola voce, un solo pensiero: quello del Palazzo. E come se non bastasse, si torna a parlare di reintrodurre la pena di morte, esistente per il sultano in America, Russia, Cina ,nonostante la Merkel gli abbia intimato di desistere da una decisione che annulla i diritti umani. Inoltre, in un’intervista Erdogan ha annunciato che a piazza Taksim sarà costruita una grande moschea e sarà avviato il progetto per la costruzione di una caserma ottomana. In pratica abbiamo, nella parte europea di casa nostra, uno dei più sanguinari dittatori con il quale probabilmente dovremo scendere a compromessi ed accettare supinamente i suoi diktat.

E’ come se la strategia dell’Isis avesse preso forma attraverso un califfo in giacca e cravatta che sta dando man forte ai soldati della jihad per affermare l’Islamismo in ogni espressione della vita quotidiana. Per il modo in cui si sta comportando Erdogan e per la maniera in cui si esprime, è come sentir parlare il Califfato. Il Califfato di Al Baghdadi non prevede opposizione interna, guai alla circolazione di pensieri alternativi, fuori magistrati e gradi dell’esercito considerati infedeli, via i rettori, fuori chi non ubbidisce o mette in difficoltà il sistema. D’altronde le immagini che mostrano gli infedeli arrestati, spogliati, con le mani legate dietro la schiena, ammassati gli uni vicino agli altri riportano alla mente le esecuzioni di massa attuate dagli jihadisti, evocando l’immagine di animali destinati al macello. Gente spogliata di tutto, con il viso tumefatto, uomini torturati, indotti a confessare per essere condannati.

L’Isis l’abbiamo in casa. Abbiamo dato potere ad un dittatore che ora alza la voce perché l’America espella un uomo che lui considera la mente del golpe; forse sa che quell’uomo,Gulen, è un libero pensatore ed i pensatori per Erdogan sono nocivi. Erdogan voleva stravolgere la Costituzione per assumere il potere nelle sue mani, per reintrodurre la pena di morte e procede spedito come un trattore. Intanto fa male sapere che giudici, garanti del diritto, sono stati allontanati, magari verranno processati come traditori perché è difficile rinnegare le leggi, leggi che sono fondamentali e regolano la vita dei normali cittadini. Ma quando si diventa sudditi non servono le leggi, la legge diventa quella della dittatura e chi non ubbidisce viene impiccato come traditore. Sarebbe questo personaggio il volto moderno dell’Islam?

Antonella Policastrese


 

Previous articlePer i morti di Nizza
Next articleCalabria: la multinazionale del crimine sempre più attiva.
Antonella Policastrese
1995-1999 Redattrice della redazione giornalistica, con contratto di collaborazione libero-professionale presso “Radio Tele International” (R.T.I S.a.s) di Crotone. 1997-1998 Docente di Storia del Giornalismo nei corsi di formazione istituiti dalla Regione Calabria e svolti dall’Associazione “San Filippo Neri” O.n.l.u.s di Crotone. 1985-2000 Collaboratrice, con contratti di prestazione d’opera, presso le seguenti testate giornalistiche: “Calabria” mensile del Consiglio regionale della Calabria “Il Crotonese” trisettimanale di informazione della provincia di Crotone “Gazzetta del Sud” quotidiano di informazione della Calabria “Il Quotidiano” quotidiano di informazione regionale della Calabria. Apprezzate e recenzite inchieste giornalistiche televisive e a mezzo stampa per le testate per le quali ha collaborato e collabora. Suoi articoli e dossier sono stati riportati e menzionati da quotidiani e periodici di tiratura nazionale, quali Il Giorno, Stop, Raitre Regione e molti altri. Autrice inoltre di novelle e racconti. Articoli

1 COMMENT

  1. La domada nasce spontanea: verranno o no processati questi 9322 dissidenti? Se si, chi li processera’, quanto durera’ processare tutta questa gente? Oppure tutti in una fossa comune?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.