Home STORIA Dal 10 all’11 febbraio di Piero Visani

Dal 10 all’11 febbraio di Piero Visani

     Nel giusto moltiplicarsi di commemorazioni sulle foibe e l’esodo (forzato) degli italiani da Istria e Dalmazia, mi permetterei di aggiungere – da “bastian contrario”, che è una peculiarità caratteriale che rivendico molto volentieri – che domani, 11 febbraio, ricade il novantesimo anniversario dei Patti Lateranensi e del Concordato tra Stato e Chiesa.

     Data per me epocale perché, in poco meno di un decennio (23 marzo 1919 – 11 febbraio 1929), un movimento politico nato con un’ideologia rivoluzionaria passava con la massima disinvoltura dal programma di “svaticanizzare” l’Italia alla Conciliazione, assumendo dunque le caratteristiche di movimento autoritario moderato-conservatore, una sorta di franchismo ante litteram, il quale, non contento di essere sceso a patti con la monarchia sabauda, ora sceglieva come secondo “compromesso storico” quello con il Vaticano.
     Nella mia visione del mondo, ai compromessi si acconciano i molto forti e i molto deboli: i primi perché sanno che, a gioco lungo, saranno sempre loro a trionfare, facendo decantare e spegnere l’eventuale carica rivoluzionaria di coloro con cui li stringono; i secondi perché non sono convinti (o non sanno…) di quel che fanno e sperano, in tal modo, di spegnere ostilità che potrebbero essere virulente e potenti, nella pia illusione di riuscire a gestirle e a controllarle, come infatti il regime fascista scoprì poi con chiarezza il 25 luglio del 1943…
       Ecco, dovessi menzionare una data subito dopo le comprensibili celebrazioni odierne, ricorderei con forza quella di domani, perché è un classicissimo caso di “partirono preti (è corretto scriverlo, direi) e tornarono curati”. E infatti…
      Nessuna svaticanizzazione, nessunissimo “imperialismo pagano”, solo un po’ di lotta (forse vittoriosa, o no?) contro i “boy scout”. Chi si contenta muore e, se non lo sa, glielo faranno scoprire alla prima occasione…
Piero Visani
Previous articleCassandra Crossing/ Archivismi: Cassandra e la miniera
Next articleL’Antartide e i suoi misteri
Umberto Visani nasce a Torino nel 1983. Laureato con lode presso la Facoltà di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino è un ricercatore indipendente di ufologia, archeologia misteriosa e criptozoologia. Scrive per numerose riviste specializzate a livello nazionale e internazionale, tra cui “Mistero Magazine”, “Ufo International Magazine”, “Révista Ufo Brasil”, “Fate Magazine”. È stato più volte ospite della trasmissione televisiva “Mistero” in onda su Italia 1. Ha pubblicato nel 2012 il saggio “Mondo Alieno: Ufo ed extraterrestri nella storia dell'umanità”, edito da Arethusa Edizioni, seguito nel 2014 dal romanzo “Ubique”, nel 2016 dal saggio “Mai stati sulla Luna?”, per Uno Editori, nel 2017 dal saggio “I Misteri dell’Umbria”, con Morlacchi editore, nel 2018 dal saggio “Ufo: le prove”, Edizioni Segno e quest’anno è uscito “Ufo: i casi perduti”, Edizioni Segno.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Content is protected !!
Exit mobile version