CURIOSA ORIGINE DEI CORIANDOLI

Bataille_de_confetti_à_Paris,_vers_1913_(dessin)

I coriandoli, insieme alle stelle filanti e alle maschere, sono oggetti tipici del carnevale, ma forse non tutti sanno come hanno avuto origine e perchè si chiamano così.
Il coriandolo è una pianta che produce semi contenenti un olio notevolmente profumato, Un tempo, e forse ancora oggi, questi semi venivano usati nelle fabbriche di liquori e nell’industria alimentare come aromatizzanti di cibi e bevande, mentre in quella dolciaria erano soprattutto utilizzati per produrre piccoli confetti rotondi che assunsero ben presto il nome di coriandoli. Poichè erano piuttosto leggeri, questi confetti cominciarono ad essere lanciati dalle finestre sui cortei che sfilavano lungo le strade.
Verso la fine dell’Ottocento si pensò, per motivi economici, di sostituire i confetti veri con altri di gesso, prodotti appositamente e soltanto in occasione del carnevale. A mano a mano che il tempo passava e via via che questa usanza si diffondeva sempre di più, si cercò il modo di produrli ad un costo ancora minore. Si cominciò allora ad usare al posto del gesso dei dischetti di carta colorata, come quelli fabbricati tutt’ora e che, pur avendo cambiato forma e materiale, hanno conservato il nome di coriandoli.

Latest articles

Related articles