Cassandra Crossing/ Immuni: chiedete e vi sarà dato

Visto che laggiù forse ascoltano Cassandra, ripetiamo due cose importanti.

Una volta si diceva che un motociclista ottimista si riconosce dai moscerini tra i denti.
Ora i caschi sono integrali, e certi indizi bisogna cercarli in modo diverso.

Il lavoro del programmatore è vivere in un mondo in rivoluzione permanente, in cui i problemi sono sempre gli stessi e la miglior rivoluzione è una conservazione intelligente di pochi principi di base.

E’ proprio valutando questo che si può di analizzare “andreottianamente” quello che succede.

Oggi abbiamo anche alcuni sorgenti del lato server dell’app Immuni. Ottima cosa, dovuta in effetti fin dall’inizio.

Ma ancora una cosa parziale.

La questione irrisolta è se si voglia fare bella figura con le persone (e questo obbiettivo di marketing è ormai stato raggiunto) o si voglia davvero sfruttare (si, proprio “sfruttare”) il circolo virtuoso del software libero.

In questo caso mancano ancora parecchie cosette, ed il diavolo, come sempre, sta proprio nei dettagli.

Per innescare il circolo virtuoso che porta a contributi esterni e maggiore sicurezza, si deve permettere di riprodurre il software completo, per consentire di fare test e sviluppo, in maniera rapida ed efficiente.
Senza sprecare quel tempo, che volontariamente molte persone possono regalare, con il lavoro non necessario di riuscire a riprodurre, faticosamente ed a tentativi, il software e l’infrastruttura di test.

Questo vuol dire documentazione (tecnica, non solo “politica” o gestionale) in forma di brevi documenti, script di compilazione, un minimo di verifica che tutto funzioni.

Un piccolo esempio di cosa è ancora da fare?

Permission sui repository referenziati negli script.

marcoc@talus:~$ git clone --recurse-submodules git@github.com:immuni-app/immuni-backend-exposure-ingestion.git
Cloning into 'immuni-backend-exposure-ingestion'...
git@github.com: Permission denied (publickey).
fatal: Could not read from remote repository.

 

Lo so, si può aggirare, ma perché deve essere necessario?

Un altro piccolo esempio?

Script per la riproducibilità binaria dell’app.
Dove sono? Su, basta poco, li avete. Aggiungeteli con due righe due di spiegazione del processo di build.

Lo so, questo costerà un po’ di tempo (ma non tanto) di una persona che potrebbe invece lavorare (“sudare”) sul codice, e sarebbe “uno spreco”.

No, non è uno spreco, è una risorsa preziosa.

Questo è il discorso sballato (il solito discorso sballato) che Cassandra ha sentito mille volte dal “capo” di turno in una vita lavorativa da (più o meno) softwarista.

“Non serve, non è il momento, non c’è tempo…”

No, è indispensabile, ed è ora il momento perfetto; poche ore di lavoro per far partire e curare un prezioso feedback (ed anche questo dovrà essere gestito) di aiuto, bugfix, informazioni, correzioni; un contributo impagabile e che premierà senza alcun dubbio con sicurezza ed efficienza.
Sicurezza ed efficenza, il circolo virtuoso del software libero. Pare che anche il COPASIR sia d’accordo.

Non è un problema di gestione di un gruppo di lavoro; è un problema (il solito problema) di reale convinzione e volontà (povero me!) politica.
Lo si vuol veramente fare? Allora va fatto con la massima convinzione ed intensità.

Poi, se di Immuni ci sia davvero bisogno, e se i rischi che comporta valgano la candela dei possibili benefici … beh, come diceva la voce narrante di “Conan il Barbaro, “… questa è un’altra storia”.

Ma certamente una Immuni sicura è meglio di una Immuni insicura.

Scrivere a Cassandra@calamarim

Le profezie di Cassandra: @XingCassandra

Videorubrica “Quattro chiacchiere con Cassandra”

Lo Slog (Static Blog) di Cassandra

L’archivio di Cassandra: scuola, formazione e pensiero

Marco Calamari
Marco Calamarihttp://www.cassandracrossing.org
Cassandra ha iniziato a pubblicare videocommenti; anteprime di articoli in preparazione, commenti a quelli gia' pubblicati od al "fatto del giorno", persino storielle del mondo piccolo di Cassandra. Qualita' video molto bassa, niente green screen od animazioni, location dove capita, e cosi' via; speriamo che il loro contenuto giustifichi i minuti spesi per ascoltarli. Marco Calamari: ingegnere, classe 1955, talvolta noto come "Cassandra", a 18 anni dovette decidere se comprarsi una macchina usata od un pc. Scelse il pc e da allora non si e' ancora completamente ripreso. Lavora come archeologo di software legacy in una grande multinazionale, ma e' appassionato di privacy e crittografia in Rete, dove collabora a progetti di software libero come Freenet, Mixmaster, Mixminion, Tor & GlobaLaks. E' il fondatore del Progetto Winston Smith e tra i fondatori dell'associazione Hermes Centro Studi Trasparenza e Diritti Umani Digitali. Dal 2002 organizza il convegno "e-privacy" dedicato alla privacy in Rete e fuori, ed e' editorialista di "Punto Informatico" e "ZeusNews, dove pubblica la rubrica settimanale "Cassandra Crossing". Scrivere a Cassandra - @calamarim Le profezie di Cassandra: @XingCassandra Videorubrica "Quattro chiacchiere con Cassandra" Lo Slog (Static Blog) di Cassandra L'archivio di Cassandra: scuola, formazione e pensiero

Latest articles

Related articles

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.