Cinque comuni in Calabria sciolti per mafia: Cassano allo Jonio, Isola Capo Rizzuto, Marina di Gioiosa Jonica, Petronà e Lamezia Terme. La decisione è stata presa dal Consiglio dei ministri il 22 novembre e non è di certo un fulmine a ciel sereno. Minniti deve averci pensato parecchio prima di dare il via libera alla fatidica decisione;  siamo in Calabria terra di ndrangheta e massoneria, e non è uno scherzo. Uno dei comuni vicini a Crotone è Isola Capo Rizzuto, un paese noto ultimamente per i fatti che hanno riguardato il centro d’accoglienza per migranti S. Anna e hanno portato agli arresti Don  Edoardo Scordio e Leonardo Sacco, governatore della confraternita la Misericordia. Il fatto ha suscitato un gran scalpore perché in una terra affamata come la Calabria, qualsiasi situazione va  essere sfruttata se permette guadagni sicuri. Se poi tali guadagni privilegiano pochi non ha nessuna importanza. In fondo la mafia fa credere di elargire guadagni a masse sempre più disperate di gente, anche se poi a guadagnarci sono in pochi. Isola Capo Rizzuto come si diceva è stata sciolta per mafia. Il problema non è ora,poiché  si presenterà quando alle prossime elezioni dovranno essere stilate liste, ma con i nominativi di quali persone?. E soprattutto in che modo si vigilerà per capire se alla base ci sono volti taroccati e un consenso costruito a tavolino? Non è la prima volta che assistiamo allo scioglimento di un consiglio comunale e alla successiva formazione di un altro fac simile. La mafia è un comportamento, un modo d’essere e di agire, che resiste ed è inossidabile a qualsiasi forma di legalità.La criminalità è omertà.Da queste parti ci si affida a padrini politici, magari anche condannati, i quali hanno trovato il modo di riciclarsi e mettere in moto una macchina di consensi in nome di qualche favore o di un coppino di brodo. Più si è condannati, più si acquistano punti  e sulla lista nera finiscono persone che magari osano parlare porsi domande che rimangono inevase,  perpetrando così la politica del malaffare. Isola Capo Rizzuto, lo si sa, è sempre stata una roccaforte chiacchierata, ma non solo Isola. Eppure ci vorrebbe poco per porre fine ai padrinaggi e stoppare comportamenti ai limiti della trasparenza. Come definire ad esempio quanto sta succedendo a Crotone? Sono stati cooptati nell’amministrazione comunale due super dirigenti, il cui compenso si aggira sugli ottantaquattro mila euro annui. Nessun concorso, ma solo l’appartenenza ad una fazione forte, che ha permesso a questi cervelli non in fuga di compiere il salto di qualità. E la cosa ancora più stramba è che uno dei due dirigenti ingaggiati è parente  del Presidente del Consiglio comunale di Crotone. Come definire tutto questo? E’ o non è corruzione? E la corruzione non è di certo un modo per affermare la legalità,  tutt’altro. Allora a chi credere chi ascoltare? Se tutto sommato essere dei sensali paga, inutile che facciano convegni, ci parlino di trasparenza, se nei fatti paga essere consenzienti a logiche di appartenenza politica. Come diceva mia nonna,  Chiacchiere e tabacchiere di legno, al mercato non si impegnano

Previous articleShelves for Life
Next articleSport e guerra
Antonella Policastrese
1995-1999 Redattrice della redazione giornalistica, con contratto di collaborazione libero-professionale presso “Radio Tele International” (R.T.I S.a.s) di Crotone. 1997-1998 Docente di Storia del Giornalismo nei corsi di formazione istituiti dalla Regione Calabria e svolti dall’Associazione “San Filippo Neri” O.n.l.u.s di Crotone. 1985-2000 Collaboratrice, con contratti di prestazione d’opera, presso le seguenti testate giornalistiche: “Calabria” mensile del Consiglio regionale della Calabria “Il Crotonese” trisettimanale di informazione della provincia di Crotone “Gazzetta del Sud” quotidiano di informazione della Calabria “Il Quotidiano” quotidiano di informazione regionale della Calabria. Apprezzate e recenzite inchieste giornalistiche televisive e a mezzo stampa per le testate per le quali ha collaborato e collabora. Suoi articoli e dossier sono stati riportati e menzionati da quotidiani e periodici di tiratura nazionale, quali Il Giorno, Stop, Raitre Regione e molti altri. Autrice inoltre di novelle e racconti. POSTS

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.