APPELLO AL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA ITALIANA

 

Egregio sig. Presidente,

sono già state stabilite le date delle prossime elezioni nel Paese, ma non ancora è stato stabilito come si vota.

Vale a dire, si è deciso il quando, il dove e lo scopo delle votazioni, ma manca ancora la parte essenziale: il come.

Se si va a votare con il “Porcellum” (metodo che ormai inorridisce anche gli stessi inventori) saremo garantiti solo sul fatto che gli elettori potranno votare per chi vogliono purché gli eletti appartengano alla casta nominata dai partiti. Pari pari uguale alla vecchia formula Sovietica.

Miseramente questa casta è composta da corrotti, delinquenti e ladri che hanno rubato a piene mani dalle casse dello Stato e che, pertanto, non possono rappresentare niente altro che se stessi ed i propri interessi, non certo i cittadini. Costoro non solo non possono candidarsi, ma devono restituire tutti i soldi rubati. Inoltre, con le loro ruberie costoro hanno fatto manbassa di somme con le quali comprare voti, direttamente, o ricorrendo alla mediazione di altre organizzazioni criminali.

Molta parte della stampa nazionale appartiene a queste categorie. Infatti, sulle loro pagine viene dato spazio solo a personaggi della casta, mai ad un povero sig. Mario Rossi, o sig.ra Maria Verdi i quali, se vogliono esprimere la propria idea, oppure candidarsi, devono mettere le mani nelle proprie tasche per finanziare le spese, mentre la casta le mani le ha messe nelle tasche degli altri.

Non mi sembra che la cultura italiana debba meritare questa indegna sceneggiata. Non mi sembra che le persone di buona volontà debbano subire ancora una volta questa presa in giro.

La rivoluzione americana nasce da una brillante intuizione contro il Governo di Sua Maestà Britannica: “No taxation without representation” (Niente tasse senza rappresentanza). Tenga presente che, se queste votazioni non saranno più che serie ed attendibili, lo scrivente sarà il primo a seguire l’esempio dei Padri Fondatori Americani, e si adopererà affinché questa’ decisione si diffonda il più ampiamente e velocemente possibile. La soluzione più rapida per spegnere questo enorme incendio da corruzione è di chiudere il gas ed eliminare ogni sorgente di alimentazione delle ruberie.

Latest articles

Related articles